"Uscite dalle vostre auto e imparate a conoscervi": la rivoluzione di Rifkin, tra interconnessione e sostenibilità

| News

Una crescita economica sostenibile e responsabile, per una rivoluzione basata su cinque pilastri: l'idrogeno, le energie rinnovabili, l'autonomia energetica degli edifici, il modello interconnesso di internet, i trasporti elettrici. Queste le parole chiave del discorso di Jeremy Rifkin a Palazzo Marino, Milano, il 15 novembre scorso.

Il Guru dell'economia sostenibile, durante una lectio magistralis organizzata dagli assessori Maran e Boeri, ha lodato le iniziative verdi del comune di Milano, come la domenica a piedi, e ha perorato la causa che porta avanti da anni: la terza rivoluzione industriale, una rivoluzione necessariamente verde e sostenibile, come unica possibilità per uscire dallo stato di emergenza in cui si trova il pianeta, creando opportunità di crescita economica.

La chiave della terza rivoluzione industriale è l'affrancamento definitivo dal petrolio, e la riscoperta delle realtà locali, vero motore dell'innovazione: è infatti dalle singole città, interconnesse una con l'altra in una rete di scambi di informazioni e condivisione di risorse energetiche, che deve partire il cambiamento. Una trasformazione che vuole portare il mondo a diventare una rete di energie condivise, che parte dalle iniziative più piccole, proprio come le domeniche senza auto, e arriva alle decisioni su scala mondiale, come una produzione di energia che non massacri più le risorse ambientali globali. Insomma, "think globally, act locally".

Un futuro che si spera arrivi presto, perché come osserva Rifkin, "il rischio di una grande estinzione c'è." Ma alle provocazioni dell'economista si aggiunge anche un grande ottimismo: l'Italia ha le capacità per mettere in moto un cambiamento del genere, e ogni occasione per farlo deve essere colta. Per questo, Rifkin ha caldamente invitato l'amministrazione di Milano ad approfittare dell'Expo per trasformarlo in una grande opportunità sostenibile, creando a Milano una Biosphere Valley, intesa come Silicon Valley degli anni a venire. Entro Natale, a Milano, gli assessori promettono che organizzeranno il PGT all'insegna della sostenibilità, per raccogliere idee, spunti, progetti, e valutare i risultati raggiunti. E forse, aggiunge Boeri, Rifkin sarà il consulente per il prossimo Piano dell'Energia.