Detrazioni fiscali: dal 36% al 50%

| News

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Decreto Legge 83/2012 inerente le nuove misure urgenti per la crescita del paese, denominato anche 'DL Crescita'.
Il decreto sancisce l'immediata entrata in vigore delle detrazioni fiscali del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia. Tutte le spese sostenute a far data dal 26/06/2012 (data di pubblicazione sulla G.U. appunto) possono quindi godere del nuovo regime fiscale che prevede la detraibilità delle spese per una quota del 50% in luogo del 36% preesistente ed un tetto massimo di spesa aumentato sino a 96.000 Euro rispetto ai 48.000 Euro attuali, possiamo parlare di un bel passo in avanti.

Tuttavia, se il bonus maggiorato è già operativo per le ristrutturazioni (ex 36% appunto), la situazione cambia per gli interventi di riqualificazione energetica (55%), che vedranno cambiare il regime fiscale con l’arrivo del nuovo anno.

IN SINTESI:

  • Ristrutturazioni
    Le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, sono agevolate con una detrazione fiscale del 50% fino a un tetto di spesa di 96.000 Euro.
    Eventuali lavori già iniziati ricadranno automaticamente nella detrazione al 50% con tetto di spesa di 96 mila Euro purchè le spese siano effettuate dopo la data del 26/06/2012.
    Sembrerebbe pertanto che in questo caso specifico non faccia fede la data di inizio lavori, ma la data in cui sono state sostenute le spese, non esiste tuttavia al momento una indicazione precisa da parte dell'Agenzia delle Entrate alla quale si rimanda per indicazioni di maggiore dettaglio.

  • Riqualificazioni energetiche
    Le detrazioni del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici rimarranno invece in vigore fino al 31 dicembre 2012. A partire dal 01/01/2013 queste vedranno invece abbassare l'attuale limite di detraibilità dal 55% al 50% sino al 30/06/2013.
    In questo caso l’Agenzia delle Entrate potrebbe dover spiegare se gli interventi già iniziati, che si dovessero protrarre sino al 2013, subiranno o meno il passaggio della detrazione dal 55% al 50%.

Purtoppo se si può parlare positivamente dell'incremento degli incentivi alle ristrutturazioni che vedono crescere sia l'importo deducibile che l'ammontare della detrazione, per quanto riguarda gli investimenti più virtuosi legati al miglioramento delle prestazioni energetiche questo non può essere certamente considerato come un passo avanti.

Staremo a vedere se il Governo deciderà di ritornare sui propri passi rivedendo soprattutto quest'ultimo aspetto che al momento risulta poco armonico e poco virtuoso rispetto agli obiettivi internazionali di riduzione del fabbisogno energetico.

Categorie

Articoli Correlati

FAQ Correlate